Marco Paolini
17.07
Patrizia Laquidara
18.07
Elio Germano e Teho Teardo
19.07
Davide "Boosta" Dileo
24.07
Federico Mecozzi
25.07
La Ballata di John & Yoko
26.07
17
Luglio
Marco Paolini
Teatro tra parentesi – racconti

TEATRO FRA PARENTESI

Le mie storie per questo tempo
con Saba Anglana e Lorenzo Monguzzi

luciaio Michele Mescalchin
fonico Piero Chinello

produzione Michela Signori, JOLEFILM

“Un Album di storie brevi, tenute insieme da un filo di pensieri, storie che vengono dal mio repertorio ma anche dall’ultimo spettacolo che non è mai andato in scena per via del coprifuoco dovuto al Covid 19. Storie a sorpresa come nell’uovo di Pasqua, perché la Pasqua quest’anno è saltata e così la si recupera un po’.” M.P.

Album, parola che riporta alle origini del lavoro di Paolini, scelta con la consapevolezza che questa non è una ripresa, ma un nuovo inizio e che ogni serata, ogni spettacolo, ogni luogo che lo ospiterà saranno densi di storie difficili da dimenticare, ma al mestiere del teatro si chiede anche questo. E molto ancora.

ACQUISTA BIGLIETTI

18
Luglio
Patrizia Laquidara
Stanze

Patrizia Laquidara - "Stanze"
Daniele Santimone: chitarra 7 corde, chitarra acustica
Davide Repele: chitarra acustica, classica, elettrica, basso elettrico

L’artista che canta prima di tutto per sé, poi per i suoi musicisti ed infine per il pubblico.
È la pura essenza del canto: ritmo, bellezza, melodia, tecnica. È semplicemente bravura [...]
“Dolcezza e crudeltà” sono i sentimenti che definiscono al meglio questa giovane interprete. Nell’eleganza, nella profondità e nella leggerezza della voce, nel superare i confini dell’essere o non essere una musicista che si lascia definire da ciò che essa stessa ha creato, cioè un nuovo modo di far seguire una parola all’altra intrecciandole a note di seta. Ama i disegni dell’oscurità e tutto ciò che ad essa appartiene.
Le sfumature e le ombre, i silenzi, la tenerezza mista a sensualità. Patrizia possiede una voce tremendamente attraente.
Sa giostrarsi, in egual misura, tra sentieri di lacrime e ispidi amoreggiamenti in prosa e la voce scivola, offre rotondità e sempre nuovi significati alle frasi, disegna ellissi sobrie, ma avvolgenti, evita la durezza per sposare la chiarezza, ma non l’evidenza.
Ed è abile nel trasformare una canzone – a volte declinando verso il parlato più che altro una timida intenzione – in racconto. Patrizia dimostra, nel continuo passaggio tra i suoi molteplici interessi musicali, un’innata naturalezza. Una spontaneità espressiva che si avvicina alla ricerca di un amore perfetto. (Davide Ielmini, scrittore e giornalista)

ACQUISTA BIGLIETTI

19
Luglio
Elio Germano e Teho Teardo
Viaggio al termine della notte

Elio Germano e Teho Teardo portano in scena “Viaggio al termine della notte” di Louis-Ferdinand Céline in una versione completamente rinnovata nelle musiche e nei testi.

Avvalendosi della straordinaria sensibilità interpretativa di Elio Germano, Teardo ripercorre musicalmente alcuni frammenti del “Viaggio” restituendo, in una partitura inedita, la disperazione grottesca del capolavoro di Celine che qui ritrova nuove dinamiche espressive nella combinazione di archi, chitarra e live electronics. 

Una fusione di sonorità cameristiche che guardano a un futuro tecnologico, nella quale le immagini evocate dal testo interpretato da Germano si inseriscono nelle atmosfere cinematiche di Teardo; un succedersi di eventi sonori e verbali dove la voce esce dalla sua dimensione tradizionale fino a divenire suono. Ed è in quel suono che emergono nuove prospettive sulle disavventure di Bardamu e sugli orrori della guerra mondiale che travolge le relazioni tra gli uomini quanto i continenti. Il pessimismo sulla natura umana, sulle istituzioni, sulla società e sulla vita in generale, diviene inconsolabile fino a non conceder più alcuna speranza al consorzio umano.

ACQUISTA BIGLIETTI

24
Luglio
Davide "Boosta" Dileo
Boostology

Se esiste una colonna sonora dei pensieri di ognuno nell’estate più strana del secolo, un artista come Boosta è qui per suonarcela di santa ragione.
Un concerto passeggiato lungo i sentieri meno battuti della musica contemporanea del 900 e le pietre miliari del suo repertorio pianistico, fino ai pezzi in anteprima del nuovo disco.

Davide Boosta Dileo, torinese, classe 1974 è un artista poliedrico con una carriera più che ventennale. Musicista, dj, compositore, autore e produttore, ma anche conduttore radio-televisivo e scrittore.

Tastierista e co-fondatore dei Subsonica, band con all’attivo otto album in studio – otto dischi di platino, con più di 500.000,00 copie vendute – quattro cd live ed un’interminabile carriera live.

Come autore e compositore ha realizzato, tra gli altri, brani per Mina quali: “Non ti voglio più”, contenuto nell'album “Facile” e “La Clessidra” contenuto in “Caramella”.

Boosta è considerato uno dei migliori Dj italiani, inserito nelle più importanti situazioni elettroniche e con esperienza alla consolle dei migliori club, da Ibiza a Zurigo. Compositore di colonne per il cinema e serie tv, tra cui “1992” e “1993” prodotte da Sky. Dal 2018 è direttore artistico dell’etichetta Cramps Records di Sony Music.

Oltre alla carriera artistica coltiva la passione per il volo, è pilota privato e sta studiando per il conseguimento del brevetto come pilota di linea.

 

 

ACQUISTA BIGLIETTI

25
Luglio
Federico Mecozzi
Awakening

Il giovane polistrumentista verucchiese ritorna a suonare “in casa”, questa volta in veste di solista, accompagnato dalla sua band, dopo essersi esibito al Verucchio Festival in numerose edizioni con Ludovico Einaudi, con il quale collabora dal 2009. Nel suo carnet artistico figurano anche collaborazioni con Angelo Branduardi, Remo Anzovino e i Blonde Redhead e nel febbraio 2019 ha partecipato al Festival di Sanremo come direttore d’orchestra (il più giovane sul podio della kermesse canora sanremese) per il cantautore Enrico Nigiotti.

ACQUISTA BIGLIETTI

26
Luglio
La Ballata di John & Yoko
di Ezio Guaitamacchi

Con Omar Pedrini, Andrea Mirò e Brunella Boschetti

New York, 8 dicembre 1980

Cinque colpi di pistola esplosi a bruciapelo da un fan psicopatico mettono fine alla straordinaria epopea di John Lennon, il Beatle ribelle. Due mesi prima, aveva compiuto 40 anni.
Al suo fianco, nell’agguato omicida al Dakota Building la loro lussuosa residenza newyorkese, la moglie Yoko Ono, una delle figure più controverse nella storia del rock, colpevole (secondo alcuni) di aver provocato lo scioglimento dei Fab Four.
In realtà, quella tra John e Yoko è stata un storia d’amore intensa e travolgente, una delle più belle e significative del Novecento. Un sodalizio artistico, ideologico e spirituale tra due personaggi geniali che ha cambiato la vita di entrambi e segnato 

Questo spettacolo, fatto di racconti, suoni e visioni, narra l’intera vicenda Lennon-Ono, dalle origini al tragico finale, attraverso una curiosa e interessante aneddotica, tante suggestive immagini storiche e una dozzina di canzoni bellissime. 

Dal primo incontro nella Indica Gallery ai bed in pacifisti, dal matrimonio a Gibilterra alle vicissitudini newyorkesi, dai giorni della crisi e dei “week end” perduti alla rasserenata quiete famigliare sino al drammatico epilogo, 

LA BALLATA di JOHN  &YOKO  rivive più suggestiva e attuale che mai a 40 anni dalla morte di Lennon e in occasione di quello che sarebbe stato il suo 80esimo compleanno.

ACQUISTA BIGLIETTI